Scegli la lingua:

Il guerriero

Nella soffitta di casa, nel 1968, mio padre Aldo e mia madre Nadia per arrotondare lo stipendio che non bastava mai, con tre figli da sfamare e un affitto da pagare, iniziarono a costruire con degli scarti di metallo delle sculture di vari personaggi: dal Don Chiscotte alla guardia Svizzera, creando circa 20 modelli diversi.

Opere lavorate artigianalmente che un’azienda di Fano commercializzava, e che permettevano di mandare avanti la famiglia. Mio padre allora lavorava alla Ifi, azienda della zona che produce banchi bar, e aveva una retribuzione di 300.000 Lire mensili, e avendo già in mente di aprire un’attività in proprio aveva firmato 10 cambiali da 50.000 lire ciascuna per comperare una pressa: la stessa che oggi si trova all’ingresso della nostra sede.

Nel 1971 nasce ufficialmente la Decorazioni Metalliche Mobili, con sede il nostro garage di casa. Insieme a loro un socio: Amadori Rinaldo, esperto della meccanica applicata ai macchinari. Aldo era profondo conoscitore dei materiali e delle lavorazioni, e Nadia simbolo di precisione e cura dei particolari. Il trio così composto per il primo anno lavorava dopo il normale orario di lavoro, poiché tutti e tre avevano già un’occupazione. Successivamente verificato che l’iniziativa volgeva positivamente, decisero che questa diventasse l’attività principale.

Di lì a qualche anno il socio Rinaldo andò in pensione dedicandosi alla sua passione di creare macchine a movimento meccanico. Aldo e Nadia portarono avanti l’attività da soli con alcuni dipendenti, fino al 1982, quando entrai in azienda io, Giuseppe, dove conobbi Sabrina, mia moglie, e insieme ancora oggi portiamo avanti l’attività con uno sguardo al passato e uno al futuro. Oggi sono in azienda anche mia sorella, Cinzia, e la terza generazione della famiglia, con Giacomo e sua moglie Barbara.

L’azienda è cresciuta. Oggi ha uno stabile di 6800 mq coperti, 120 dipendenti e più di 100 clienti. L’inventiva ha sempre fatto parte del DNA dell’azienda, perché è parte delle persone che ne hanno fatto la storia. E’ da qui che è nato il desiderio di recuperare la figura del guerriero, che oggi è il marchio dell’azienda e simbolo della filosofia DMM. Un ricordo delle nostre origini ma anche emblema del nostro carattere: grintosi, energici, determinati e vigorosi.

Sin dagli esordi, DMM si è sempre rivelata un’azienda in movimento, capace di evolversi e soprattutto desiderosa di affrontare le sfide.

 

 

Richiedi Informazioni

Siamo a completa disposizione per rispondere ad un quesito, una curiosità o approfondire un progetto. La nostra porta è sempre aperta e volentieri vi accogliamo nella nostra sede.